Claudio Abbado (1933-2014)
Presidente Onorario
 
Claudio Abbado aveva debuttato nel 1960 al Teatro alla Scala di Milano, di cui era stato successivamente direttore musicale dal 1968 al 1986. Dal 1986 al 1991 era stato direttore musicale della Staatsoper di Vienna e dal 1987 Generalmusikdirektor della città di Vienna.
 
Nel 1988 aveva fondato il Festival Wien Modern, manifestazione di musica contemporanea ampliatasi nel tempo fino ad includere diversi aspetti dell'arte e dal 1991 anche un concorso internazionale per giovani compositori. Aveva diretto la Berliner Philharmonisches Orchester per la prima volta nel 1966. Nel 1989 l'Orchestra lo aveva eletto direttore artistico. Nel 1994 Claudio Abbado era stato nominato direttore artistico del Festival di Pasqua di Salisburgo. A completamento delle produzioni liriche e dei concerti sinfonici aveva inserito un ciclo di musica da camera contemporanea, un premio per una composizione musicale e un premio per un'opera letteraria.
 
Claudio Abbado ha sempre sostenuto i giovani talenti. Nel 1978 aveva fondato la European Community Youth Orchestra, nel 1981 la Chamber Orchestra of Europe e nel 1986 la Gustav Mahler Jugendorchester dalla quale si era costituita la Mahler Chamber Orchestra. Dal 2003 era impegnato con la nuova Orchestra del Festival di Lucerna, complesso appositamente creato per Arturo Toscanini prima della guerra, e aveva tenuto la prima serie di concerti alla guida della nuova Orchestra nell'agosto 2003; la formazione era nata dalla partecipazione della Mahler Chamber Orchestra con alcune prime parti dei Berliner e dei Wiener Philharmoniker, con solisti di fama internazionale, Ensemble Sabine Meyer, Hagen Quartett ed elementi dell'Alban Berg Quartett.
 
Nel 2004 era nata a Bologna l'Orchestra Mozart, di cui era stato direttore musicale ed artistico. Nel novembre di quell'anno, presso l'Accademia Filarmonica di Bologna, era stato insignito del Premio Kythera, che aveva devoluto in borse di studio a due giovani musicisti della nuova orchestra.
 
A Caracas e a l'Havana, nel gennaio 2005, Abbado iniziò a fare musica con l'orchestra Simon Bolivar alla quale si erano aggiunti negli anni giovani di tutti i paesi del Sudamerica, per dare vita all'Orquesta de Jovenes Latinoamericanos, una formazione multiculturale e multirazziale di ben 285 elementi tra i 15 e i 24 anni. Questa esperienza si inseriva nella mastodontica iniziativa portata avanti da trent'anni da José Antonio Abreu, che coinvolge duecentoquarantamila giovani musicisti, molti dei quali tolti dal mondo poverissimo dei barrios e delle favelas, a cui è stata data la possibilità di ricevere degli strumenti e un'adeguata educazione. A proposito di questa esperienza Claudio Abbado dichiarò «Il mio soggiorno in Venezuela, dove la musica ha una valenza sociale enorme, e dove sono nate centinaia di orchestre giovanili, mi ha riconfermato che la musica salva davvero i ragazzi dalla criminalità, dalla prostituzione e dalla droga. Li ho visti, facendo musica insieme trovano se stessi».
 
Nel 1972 aveva inaugurato alla Scala i "Concerti per studenti e lavoratori" con l'intento di avvicinare alla lirica e alla classica anche le classi meno abbienti.
 
Fra le incisioni discografiche di Claudio Abbado ricordiamo l'integrale delle opere sinfoniche di Beethoven, Mahler, Mendelssohn, Schubert, Ravel, Čajkovskij, Prokof'ev, opere di Verdi, Rossini, Mozart e Wagner. Nel 2000 era uscita l'edizione integrale delle Sinfonie di Beethoven con i Berliner Philharmoniker, acclamata quanto la serie di esecuzioni dal vivo delle Sinfonie e dei Concerti per pianoforte di Beethoven tenutesi a Roma e a Vienna nel febbraio 2001, realizzate in DVD. Nel giugno 2013 era uscito un disco dedicato a Schumann.
 
Le sue incisioni avevano ricevuto i premi più prestigiosi: International Grammy Award, Grand Prix International du Disque, Diapason d'or, Record Academy Prize, Stella d'oro, Orphée d'or e Grand Prix de la Nouvelle Académie. Claudio Abbado aveva ricevuto numerosi riconoscimenti, tra cui il Premio Freud, la Gold Medal of the International Gustav Mahler Society, l'Ehrenring (1973), la Medaglia d'Oro Nicolai dei Wiener Philharmoniker (1980), la Mozart Medaille, la Mahler Medaille, la Schubert Medaille, l'Ehrenring der Stadt Wien, il Premio Nonino (1999). Fra i premi più recenti citiamo il Cuban National Cultural Award all'Avana ricevuto nel gennaio del 2005 e nel giugno dello stesso anno il premio di Echo-Klassik per la Sinfonia n°2 di Mahler (e Debussy La Mer), il Premio Yehudi Menuhin in Spagna nel 2006, il premio della Royal Philharmonic Society e il Lifetime Achievement della rivista inglese Gramophone, ricevuti entrambi nel 2012.
 
La Repubblica Italiana lo aveva insignito della Gran Croce Ordine al Merito nel 1984 e della Medaglia d'oro ai Benemeriti della cultura e dell'arte nel 1997, quella francese della Grand Croix de la Légion d'Honneur, la Repubblica Austriaca della Grosse Goldenes Ehrenzeichen. In Germania aveva ricevuto la Grosse Verdienstkreuz e l'Ernst-von-Siemens-Musikpreis, era stato eletto "direttore dell'anno" dalla stampa tedesca (2001), gli era stato consegnato il Würth-Preis della Jeunesses Musicales e il premio della critica Kritikerpreis des Verbandes der deutschen Kritiker (2002). Nello stesso anno il Presidente della Repubblica Federale Tedesca, per l'alto valore del lavoro artistico svolto a Berlino, lo aveva insignito del massimo riconoscimento dello stato: Das Grosse Verdienstkreuz mit Stern. Nel 2003 aveva ricevuto la Medaglia d'Oro della Royal Philharmonic Society London, il prestigioso Praemium Imperiale della Japan Arts Association e il premio della critica musicale italiana "Franco Abbiati". Nel maggio 2004 gli era stato conferito la Ernst Reutter Plakette della Città di Berlino. Nel 2008 il Comune di Bologna gli ha conferito la cittadinanza onoraria.
 
Le Università di Cambridge, Aberdeen, Ferrara e della Basilicata gli avevano conferito la laurea honoris causa.
 
Il 30 agosto 2013 il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano lo aveva nominato senatore a vita.
 
Claudio Abbado è morto a Bologna il 20 gennaio 2014. Alla camera ardente si sono presentate migliaia di persone a tributargli omaggio